Con la primavera ritorna il Falco grillaio nel nostro territorio. Per fortuna. Come associazione  vorremmo dare ancora una volta il nostro contributo in termini di conoscenza di questo rapace che occuperà i nostri i cieli e i nostri tetti fino al prossimo autunno. Ne parliamo con Matteo Visceglia,Responsabile e Coordinatore del Cras di Matera, che da diversi anni di occupa di un centro Cras per la cura a animali feriti.

D Il falco che ritorna sempre nello stesso nido, è lo stesso/a dell'anno prima o sono i suoi figli?

R In genere e’ la stessa coppia ma questa regola non vale sempre, per tanti motivi.

D I falchi della nostra zona in quale area geografica svernano?
R Africa centrale

D Le coppie si formano e si accoppiano da noi ? Il corteggiamento e l’ accoppiamento avvengono nelle aree geografiche di svernamento?
R No, si accoppiano da noi

D I falchi che si trovano sui pini creando problemi seri alle auto parcheggiate con gravi proteste della popolazione chi sono, quelli che non sono riusciti a trovarsi un nido?
R  Sono tutti gli individui indipendentemente dall’eta’, mi chiedo ,ma è proprio impossibile evitare il parcheggio solo per un periodo all'anno in determinate aree?
 
D I falchi “single” quelli giovani, vanno tutti sui pini anche quelli che hanno i nidi?
R  Si tranne quando gli adulti covano o accudiscono i piccoli nati

D I dissuasori sonori ultrasuoni possono servire per evitare affollamenti sugli alberi di pino?
R  Non vanno disturbati al dormitorio con alcun sistema

Perche proprio sugli alberi di pino e non su altre specie?
R Perche’ per loro sono gli alberi che in quella zona garantiscono maggiore sicurezza durante la notte

D Perché  usano come posatoi  proprio i pini urbani e non quelli periurbani?
R I dormitori sono generalmente in aree urbane,  ma in alcuni casi possono anche essere in aree periurbane.